Personale docente

Francesca Peressotti

Professore associato confermato

M-PSI/01

Indirizzo: VIA VENEZIA, 8 - PADOVA . . .

Telefono: 0498276582

Fax: 0498276547

E-mail: francesca.peressotti@unipd.it

  • Il Martedi' dalle 10:30 alle 12:30
    presso Via Venezia 8, piano 2, stanza 19
    Ricevimenti mese di GIUGNO: Venerdì 15 giugno. Per altri appuntamenti scrivere una mail alla docente.

Pubblicazioni più recenti:

Petrova, A., Navarrete, E., Suitner, C., Sulpizio, S., Reynolds, M., Job, R. & Peressotti, F. (2018) Spatial congruency effects, just not for words: Looking into Estes, Verges, Barsalou (2008). Psychological Science. 
In press.

Lorenzoni, A. Peressotti, F. & Navarrete, E. (2018) The manipulability effect in object naming. Journal of Cognition. In press.

Pretato, E., Peressotti, F., Bertone, C., & Navarrete, E. (2018). The iconicity advantage in sign production: The case of bimodal bilinguals. Second Language Research, doi: 10.1177/0267658317744009.

Peressotti, F., Scaltritti, M. & Miozzo, M. (2018). Can sign language make you better at hand processing? PlosOne, Mar (28); 13(3):e0194771, doi: 10.1371/journal.pone.0194771.

Colombo, L., Sulpizio, S., & Peressotti, F. (2017). Serial mechanisms in transposed letters effect: A developmental study. Journal of Experimental Child Psychology, 161, 46-62. doi:10.1016/j.jecp.2017.04.002.

Scaltritti, M., Peressotti, F., & Navarrete, E. (2017). A joint investigation of semantic facilitation and semantic interference in continuous naming. Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory, and Cognition, 43, 818-823. doi:10.1037/xlm0000354

Navarrete, E., Peressotti, F., Lerose, L., & Miozzo, M. (2017). Activation cascading in sign production. Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory and Cognition, 43, 302-318. doi: 10.1037/xlm0000312

Scaltritti, M., Peressotti, F. Miozzo, M. (2017). Bilingual advantage and language switch: What’s the linkage?". Bilingualism: Language and Cognition, 20, 80-97. doi: 10.1017S1366728915000565

Scaltritti, M., Arfè, B., Torrance, M., & Peressotti, F. (2016). Typing pictures: Linguistic processing cascades into finger movements. Cognition, 156, 16-29. doi:10.1016/j.cognition.2016.07.006

Miozzo, M., Petrova, A., Fischer-Baum, S., Peressotti, F. (2016) The serial encoding of signs. Cognition, 154, 69-80. doi:10.1016/j.cognition.2016.05.008

Navarrete, E., Mahon, B.Z., Lorenzoni, A., & Peressotti, F. (2016). What can written-words tell us about lexical retrieval in speech production? Frontiers in Psychology, 6:1982. DOI:10.3389/fpsyg.2015.01982

Reynolds, M.G., Schlöffel, S. & Peressotti, F. (2016) Asymmetric Switch Costs in Numeral Naming and Number Word Reading: Implications for Models of Bilingual Language Production. Frontiers in Psychology 6:2011. doi: 10.3389/fpsyg.2015.02011.

Navarrete, E., Caccaro, A., Pavani, F., Mahon, B., & Peressotti, F. (2015). With or without semantic mediation: Retrieving of lexical representations in sign production. Journal of Deaf Studies and Deaf Education, 20(2), 163-171. doi:10.1093/deafed/enu045

Navarrete, E., Sessa, P., Peressotti, F., Dell'Acqua, R. (2015). The distractor frequency effect in the color-naming Stroop task: An overt naming event-related potential study. Journal of Cognitive Psychology, 27(3), 277-289 doi: 10.1080/20445911.2014.1002786


Navarrete, E., Pastore, M., Valentini, R. & Peressotti, F. (2015). First learned words are not forgotten: Age of Acquisition effects in the Tip-of-the-Tongue experience. Memory & Cognition, 43, 1085-1103. DOI 10.3758/s13421-015-0525-3

Download Pubblicazioni_Peressotti.pdf

Informazioni sui miei interessi di ricerca sono disponibili sul sito web del
COGNITION AND LANGUAGE LABORATORY - CoLab (web page http://colab.psy.unipd.it/)

Le linee di ricerca più recenti sono consultabili al link:

http://colab.psy.unipd.it/research-areas/

I miei collaboratori più stretti sono:
il dott. Eduardo Navarrete
il dott. Michele Scaltritti
la dott.ssa Cinzia Quartarone
il dott. Siomne Gastaldon

I miei collaboratori più "lontani" sono
Prof. Brad Mahon, Rochester University, US
Prof. Michele Miozzo, New School, New York, US
Prof. Michael Reynolds, Trent University, CA

Se vuoi fare da partecipante ad alcuni esperimenti del nostro laboratorio, consulta il sito del CoLab e clicca sul link Experiments nel menu in alto. Registrati e potrai partecipare alle sessioni sperimentali prenotando a tua discrezione la seduta.

PARTECIPA ed collabora all'avanzamento della ricerca!!!

Sei interessato alla LIS (Lingua Italiana dei Segni)? Contattaci, abbiamo bisogno di collaboratori!

Si propongono i seguenti argomenti:

Produzione e comprensione del linguaggio

Sordità e lingua dei segni

Bilinguismo e conseguenze cognitive del bilinguismo

Bilinguismo e dialetto

Processi di lettura e scrittura e nuovi media

-

Maggiori informazioni sono disponibili al link: http://colab.psy.unipd.it/research-areas-copy/

Research lines, with some of the specific issues proposed for PhD students:

1- Language production and comprehension

2- Deafness and sign language

2- Bilingualism, cognitive control, decision making

3- Writing processes



Per le nostre ricerche cerchiamo:

- parlanti della LINGUA ITALIANA DEI SEGNI

Se vuoi collaborare, invia una mail!! :)


Per l'esame di Tecniche di ricerca in psicologia cognitiva.
Come indicato nel Syllabus gli studenti devono prepare un progetto di ricerca da portare (o inviare per mail) il giorno dell'esame scritto. Deve trattarsi di un progetto di ricerca "originale", cioè di un un esperimento nuovo pensato dallo studente, ma basato su uno studio precedente già pubblicato. Questo articolo di partenza, che costituisce la base di partenza teorica, rispetto alla quale ci si pone una domanda di ricerca e si formulano delle ipotesi, è scelto dallo studente, in uno qualunque degli ambiti della psicologia cognitiva.

Nella stesura del progetto è necessario seguire questo schema:

1.Descrizione dell’articolo/articoli di partenza (ambito di ricerca, risultati ottenuti, spiegazione teorica) (max 500 parole)

2.Presentazione del progetto di ricerca suddiviso nelle seguenti sessioni

a) descrizione teorica ed operazionale dell’ipotesi (max 500 parole)

b) metodo: partecipanti, materiali e procedura (max 500 parole)

c) risultati attesi e conclusioni (max 500 parole)

3. Bibliografia